Crediamo in Dio e in tutti i Suoi Profeti

Di': “Crediamo in Allah e in quello che ha fatto scendere su di noi e in quello che ha fatto scendere su Abramo, Ismaele, Isacco, Giacobbe e le Tribù, e in ciò che, da parte del Signore, è stato dato a Mosè, a Gesù e ai Profeti: non facciamo alcuna differenza tra loro e a Lui siamo sottomessi”. [Corano, 3:84]

13 marzo 2012

La malattia dell'invidia

Bismi ALLAHI ArRahman ArRAhim
Assalamu alaikum wa rahamta ALLAH wa barakatuHu



Conosciamo tutti la celeberrima storia che ci riporta come per tre giorni di fila il Rasul salla ALLAHU alaihi ua sallam disse ai sahabe da quella porta sta per entrare un uomo del Paradiso e AbdulLAH bin Amr decise di vivere con l’uomo per 3 giorni per capire il segreto che lo avesse portato alla così alta ricompensa, senza notare niente di particolare, finchè non interrogò l’uomo ed egli comprese il motivo per cui il Rasul aveva definito un uomo come abitante del Paradiso:
non andava mai a dormire con rancore nè invidia nei confronti delle persone, disse AbdulLAH:

"questo è ciò che ti ha elevato ed è... ciò di cui non siamo capaci, che non sopportiamo!"

possiamo digiunare a lungo, pregare tante rikat, ecc. ma ci è molto difficoltoso alleggerire i ns. cuori nei confronti dei fratelli

il Rasul salla ALLAHU alaihi ua sallam disse:
resteranno in voi le malattie delle comunità che vi hanno proceduto: l'invidia e l'odio.  

Il primo peccato avvenuto in cielo trova come causa l'invidia (e l'arroganza) del diavolo nei confronti dell’uomo a cui gli era stato ordinato di prostrarsi :
 17:62 [...] "che è questo l'essere che hai onorato su di me?" [...]

La causa del primo peccato avvenuto sulla terra è l'invidia: tra i fratelli Caino e ABELE! l'invidia che portò al fratricidio! al versamento del sangue!

I fratelli di Yusuf lo abbandonarono nel pozzo per l'invidia nei suoi confronti, non cercarono di migliorare se stessi per ottenere maggiore amore dal padre, ma vollero il male al fratello, senza ottenere del bene per se stessi.


da hadith Sahih Muslim il Rasul salla ALLAHU alaihi ua sallam ci informò che l'invidia perdurerà tra le genti fin quando non tornerà Issa (Gesù) alaihi assalam sulla terra, allora cancellerà l'invidia, l'odio, le controversie.


L'invidia, al hasad, è di 3 tipi:




1 - che si desideri che il beneficio di cui gode una persona si trasferisca da quella persona a sé:
non desidero di avere qualcosa di simile, no desidero che dalla persona passi a me

2 - che si desideri che il beneficio venga perso da quella persona, anche se non viene trasferito a sé,

perché magari non interessa, non può avvenire, ho altro, ma l'invidia mi porta a desiderare che quella persona non abbia quella cosa

(la casa, la macchina, i figli... che fastidio ti dà se una persona ha una bella macchina? così invidia spero che faccia un incidente)


3 - non è una vera propria invidia: è desiderare ciò che ha l'altro, senza desiderare che lui lo perda, è desiderare per sé benefici che si vedono in altro. è riconosciuta come invidia, ma non come un'invidia malata che desidera il male per l'altro.


Se sai che una persona è invidiosa di te,  
a.evita di parlare dei tuoi benefici, quasi a accrescere la sua invidia, a farlo stare male, visto che soffre di questa cosa. Se sai che è invidioso di te devi avere misericordia di lui e pregare ALLAH che gli tolga la sua invidia nei tuoi confronti.


59:10 Coloro che verranno dopo di loro diranno: « Signore, perdona noi e i nostri fratelli che ci hanno preceduto nella fede, e non porre nei nostri cuori alcun rancore verso i credenti. Signor nostro, Tu sei dolce e misericordioso. 

b. fai dei doni, visitalo se c'è un malato, comportati bene in maniera che ti ami, ma come ibada


c. se senti nel cuore invidia fai du'a che ALLAH gli dia barakah nei suoi benefici per allontanare il shaytan dal tuo cuore

Per non invidiare bisogna anche accettare ciò che si ha:

43:32 Sono forse loro i dispensatori della misericordia del tuo Signore? Siamo Noi che distribuiamo tra loro la sussistenza in questa vita, che innalziamo alcuni di loro sugli altri, in modo che gli uni prendano gli altri a loro servizio.. La... misericordia del tuo Signore è però [di gran lunga] migliore di quello che accumulano
Uno può essere di corporatura molto resistente, ma povero, lavora come facchino, uno è ricchissimo , ma potrebbe essere paralizzato.

una volta, racconta il cheikh, mi chiamò il padre di un mio ex studente all'università e mi chiese di far loro visita, pensai che il ragazzo si fosse perso, li invitai a casa mia e mi dissero che erano impossibilitati. Mi recai all'indirizzo e mi ritrovai davanti ad un castello, mashaALLAH, una casa enorme, bellissima, con ogni genere di lusso. mi offrirono il caffè ed iniziai a preoccuparmi, il tempo passava avevo altri appuntamenti, perchè il ragazzo non appariva. il padre alzò un telefonò e disse fatelo venire. Entrò un uomo che spingeva una carrozzella, sui cui giaceva un giovane legato, tetraplegico, con un bavaglino sotto il mento perchè persino la mascella era paralizzata e colava continuavamente saliva. Al contempo il ragazzo era intelligentissimo. Subhana ALLAH ricchissimo, intelligentissimo ma in tutta questa abbondanza di beni che si possono invidiare ALLAH gli aveva tolto la salute.

Mi recai a visitare un malato mio conoscente in ospedale quando un ragazzo mi riconobbe e disse: ti prego sheikh vieni a leggere Corano su mio fratello, ha avuto un incidente, dicono che abbia perso la ragione, ma magari leggendogli Corano. Mi ritrovai davanti al più bel ragazzo che abbia mai incontrato in vita mia, mai vista una persona così bella, eppure il ragazzo muoveva la lingua, faceva gestacci, diceva cose disarticolate, aveva il dono della bellezza, ma gli aveva sottratto la ragione!

Quindi impariamo ad accettare ed essere soddisfatti di ciò che ci dona ALLAH azza wa jalla: forse ha dato ad uno più soldi, ma ha dato a te più serenità, forse ha donato ad uno più figli, ma ha dato a te l'amore della gente, forse ha dato ad uno una posizione migliore nel lavoro , ma forse la tua posizione sarà migliore in Paradiso.



Accetta ciò che ha stabilito ALLAH per te. come disse il Rasul salla ALLAHU alaihi ua sallam. Accetta e sarai credente.

Se senti nel tuo cuore invidia per una persona, magari un tuo collega è stato promosso, combatti questo sentimento, prepara un dono per lui, sarà come sputare in faccia al diavolo! affinché non abbia successo nel deviare il tuo cuore e riempirlo di invidia nei suoi confronti. Senti invidia nei confronti di una persona o sai che ne prova per te, comportati in maniera eccellente per raggiungere l'amore dei cuori, e non darla vinta al shaytan che vuole dividervi.

Una volta un uomo si recò da Hasan al Basri e gli disse: ya Aba Saif, magari fossi stato con noi oggi!! perchè cosa ho perso? oggi tizio ha parlato male di te e ti invidia per questo e quest'altro. la risposta di Hasan al Basri fu: e il shaytan non ha trovato altri che te come messaggero?
per insegnargli a non riportare i discorsi, non gli chiese dettagli, non lo ringraziò per averlo avvertito, non accendere l'odio nei cuori. Poi prese dei datteri pregiati e si presentò alla porta dell'uomo che aveva parlato male di lui. Glieli donò. Gli chiese il motivo, gli disse un regalo. L'uomo insistette per sapere il motivo, gli disse Hasan AL Basri: ho saputo che stamattina mi hai donato delle tue hasanat, ho voluto farti anch'io un regalo.
La sua risposta fu un insegnamento!


La terza cosa da fare è tagliare le gambe al Shaytan facendo dua' per la persona che ti invidia o che invidi.

 Una volta un sheikh veramente molto famoso si ritrovò in una moschea della periferia, erano in pochi, e essendo periferica non erano abituati a ricevere visite di sheikh famosi. Decise allora nonostante i tanti impegni di omaggiare i fratelli e fare una piccola khotba. finita la preghiera si presentò all'imam, gli porse la mano e questi girò il viso dicendo io non saluto simili esseri. il sheikh ci rimase malissimo, neanche con un nemico che porge la mano ci si atteggia così, ingoiò il rospo e gli disse volevo fare un saluto ai fedeli, gli disse nella mia moschea gli esseri come te non fanno saluti e spense il microfono. ma la gente felice della presenza dell'importante sheikh gli si strinse attorno esortandolo a parlar loro, l'imam arrabbiato se ne andò. Il sheikh avrebbe potuto fare rapporto per il comportamento non islamico di un imam, ma decise di lasciar perdere. percepi il malcontento della gente, sarebbero stati disposti anche ad una raccolta di firme tanto erano rimasti male... ma non ho voluto. sarebbe stata una vendetta personale
Allora sheikh Arifi gli ha chiesto: possibile che non gli portassi rancore? Gli rispose: ad essere sincero il gesto di guardarmi rifiutare di darmi la mano ho desiderato che la terra mi inghiottisse e quando mi rispose a quel modo mi umiliò .. ma quando andai il venerdì a fare jumu'a e vidi la moschea strapiena fino alla strada mi accorsi che il shaytan mi sussurrava: quell'imam voleva impedirti di fare un saluto a 3 file di credenti e tu fai jumu'a a 10.000??? facendo crescere in me il rancore, allora ti giuro che mentre salivo le scale del minbar non ho fatto altro che pregare per lui, per non permettere al shaytan di averla vinta, e far sbagliare anche me facendo crescere in me il rancore.
QUindi se senti sentimenti di invidia verso una persona fai dua che ALLAH gli doni barakah in ciò che ha, ti aiuterà a non provarne.


Infine i salaf ci insegnavano a non raccontare troppo in giro i benefici di cui godiamo, non puoi mentre uno si lamenta dei rapporti con la moglie sbattergli in faccia quanto andate d'amore e d'accordo voi due, sei tu allora che istighi in lui, che soffre per la sua situazione, l'invidia. Non uccidete i vostri fratelli!!! Se hai dei benefici, non metterli in mostra per non suscitare l'invidia.

Un sahabi Sahal bin Hunaif fu colpito con il malocchio da un altro sahabi Amer ibn Rabiia. A Medina non c'è abbondanza di acqua, e per prenderla si faticava con i pozzi, aveva piovuto e c'era dell'acqua piovana. contento di ciò, coprendo la 'aura Sahal bin Hunaif si iniziò a lavare. Passando AMer ibn Rabiaa fu colpito dalla pelle delicata di Sahal dicendogli: cosa vedo oggi!!! neanche la pelle di una vergine mai uscita di casa è così delicata. Sahal ibn Hunaif cadde svenuto immediatamente nell'acqua. lo portarono a peso dal Profeta salla ALLAHU alaihi ua sallam che riconobbe i segni del malocchio. Chiese chi accusate, gli raccontarono l'accaduto e disse:

Subhana ALLAH per che cosa uno uccide suo fratello!!!!! ALA BARRAKT? non hai detto tabaraka ALLAH

Quindi se vedete da qualcosa che vi piace dite TABARAKA ALLAH, ricordate ALLAH per non colpirlo con il malocchio e invidiarlo




Tradotto liberamente dalla sorella Nura riassumendo da:

مرض الحسد - محمد بن عبد الرحمن العريفي1/2 

مرض الحسد - محمد بن عبد الرحمن العريفي 2/2 

علاج الحسد مؤثر جدا الشيخ محمد العريفي

 

 

 


Scrivici via Email:
lmticino@yahoo.fr

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Invero, la religione presso Allah è l'Islàm

Allah testimonia, e con Lui gli Angeli e i sapienti, che non c'è dio all'infuori di Lui, Colui Che realizza la giustizia. Non c'è dio all'infuori di Lui, l'Eccelso, il Saggio. Invero, la religione presso Allah è l'Islàm*. Quelli che ricevettero la Scrittura caddero nella discordia, nemici gli uni degli altri, solo dopo aver avuto la scienza. Ma chi rifiuta i segni di Allah, [sappia che] Allah è rapido al conto. [Corano, 3:18-19]
*[“la religione presso Allah è l'Islàm”: nel rapporto tra uomo e il suo Creatore, (gloria a Lui l'Altissimo) la posizione del primo non può essere che di totale sottomissione, cioè islamica]