Crediamo in Dio e in tutti i Suoi Profeti

Di': “Crediamo in Allah e in quello che ha fatto scendere su di noi e in quello che ha fatto scendere su Abramo, Ismaele, Isacco, Giacobbe e le Tribù, e in ciò che, da parte del Signore, è stato dato a Mosè, a Gesù e ai Profeti: non facciamo alcuna differenza tra loro e a Lui siamo sottomessi”. [Corano, 3:84]

25 aprile 2012

Amnesty: Musulmani discriminati in Svizzera e Europa

 [RSI del 24.04.2012]

Musulmani discriminati in Svizzera

Lo sostiene Amnesty, che critica Governo e partiti

Amnesty International ha denunciato oggi in un rapporto le “discriminazioni” nei confronti dei musulmani in alcuni paesi europei, fra i quali la Svizzera. L'organizzazione punta il dito in particolare contro lo sfruttamento a fini politici dei “pregiudizi”.
Partiti sotto accusa
Nella sua relazione - che si concentra su Francia, Belgio, Paesi Bassi, Spagna e Svizzera - Amnesty chiede ai governi di “fare di più per combattere gli stereotipi negativi (...) contro i musulmani, che scatenano discriminazioni, principalmente nel settore dell'educazione e nel mondo del lavoro”. “Invece di rispondere a questi pregiudizi”, afferma Marco Perolini di Amnesty, “i partiti li incoraggiano, alla ricerca di voti”.
Limiti al diritto di pregare
L'organizzazione denuncia pure le limitazioni imposte ai musulmani in materia di preghiera e ricorda i casi della Svizzera, dove nel 2009 il popolo ha votato contro l'edificazione di nuovi minareti, e della Catalogna, dove molte persone sono costrette a pregare per strada a causa della carenza di luoghi di culto.
Discriminazione sul posto di lavoro
In Francia, Belgio e Paesi Bassi, i datori di lavoro sono autorizzati, in violazione alla legislazione europea, a discriminare i musulmani con il pretesto che “i simboli religiosi o culturali danno fastidio ai clienti o ai colleghi”, rileva inoltre Amnesty International, che nel rapporto critica implicitamente anche il divieto del velo integrale nei luoghi pubblici introdotto un anno fa da Parigi.




 [Giornale "Il Quotidiano", 24.04.2012]

I musulmani in Europa: discriminati e stereotipati

Rapporto di Amnesty International per combattere i pregiudizi

Il documento si concentra su Belgio, Francia, Paesi Bassi, Spagna e Svizzera. Le principali violazioni rilevate riguardano i diritti degli individui: colpiti per i simboli che indossano e limitati dalla scarsità di luoghi di culto

 
Roma, 24 aprile 2012 - Già il titolo è impegnativo: ‘Scelta e pregiudizio: discriminazione contro i musulmani in Europa’. Lo svoglimento? Necessariamente articolato. L'ultimo rapporto di Amnesty International illustra "l'impatto negativo della discriminazione nei confronti dei musulmani, basata sulla loro religione o sulle loro credenze, su diversi aspetti della loro vita, compresa l'occupazione e l'istruzione".

CASE HISTORY - "I musulmani sono ritenuti responsabili di ciò che accade in Medio Oriente e Africa del Nord. La gente mi ha insultato per strada o ha fatto commenti sgradevoli. Un uomo si è messo a gridare contro di me dicendo che avrei dovuto togliermi il velo. Sono cresciuta in Svizzera e credo che questo sia il mio paese. Non capisco perché gli altri cittadini si arrogano il diritto di trattarmi in questo modo". In questa dichiarazione di una cittadina svizzera di religione islamica, protettat nella sua identità, Amnesty rileva uno dei classici stereotipi che turbano la vita di milioni di musulmani euroepei.

PROBLEMA LOOK - "Per il solo fatto d’indossare abiti tradizionali, come ad esempio il velo, alle donne musulmane viene negato un posto di lavoro e alle ragazze viene impedito di seguire regolarmente le lezioni a scuola. Gli uomini invece possono essere licenziati perché hanno la barba - dichiara Marco Perolini, esperto di Amnesty International sulla discriminazione -. Invece di contrastare questi pregiudizi, i partiti politici e i funzionari pubblici troppo spesso li assecondano nella ricerca del consenso elettorale".

EUROPA INVOLUTA - Il rapporto si concentra su Belgio, Francia, Paesi Bassi, Spagna e Svizzera, dove Amnesty International ha già sollevato alcuni problemi, tra cui le limitazioni all’edificazione di luoghi di culto e il divieto di indossare il velo integrale. Il rapporto documenta numerosi casi di singole discriminazioni in tutti i paesi interessati.

LIBERTA' RELIGIONE - "Indossare simboli e abiti religiosi e culturali fa parte del diritto alla libertà di espressione, del diritto alla libertà di religione e di credo. Questi diritti devono essere goduti dalle persone di ogni fede, allo stesso modo - afferma Perolini - Mentre tutti hanno il diritto di esprimere la loro cultura, che si tratti di tradizione o fede, indossando un abito specifico, nessuna persona dovrebbe subire pressioni o essere costretto a farlo. Divieti generali nei confronti di specifici tipi di abbigliamento violano i diritti di coloro che scelgono liberamente di vestirsi in un certo modo e non aiutano chi è costretto a farlo contro la sua volonta’’.

GOVERNI INATTIVI - Il rapporto di Amnesty International evidenzia la mancanza di un'adeguata applicazione delle norme che vietano la discriminazione in materia di occupazione in Belgio, Francia e Paesi Bassi. I datori di lavoro sono autorizzati a discriminare sulla base del fatto che simboli religiosi o culturali creeranno problemi coi clienti o coi colleghi o che risulteranno in contrasto con l'immagine aziendale o la sua neutralità’’. Questa situazione - secondo Amnesty - è in contrasto con la legislazione antidiscriminazione dell'Unione europea, che consente trattamenti differenziati in materia di occupazione solo se espressamente richiesti dalla natura dell’impiego.

NO AL VELO - Nell'ultimo decennio in molti paesi, tra cui la Spagna, la Francia, il Belgio, la Svizzera e i Paesi Bassi, nelle scuole è stato proibito di indossare il velo o qualsiasi altro abito religioso e tradizionale. "Qualsiasi restrizione relativa al fatto di indossare simboli religiosi e culturali nelle scuole deve essere basata sulla valutazione delle esigenze di ogni singolo caso. Divieti generali possono incidere negativamente".

MOSCHEE VIETATE - Anche il diritto di istituire luoghi di culto è un elemento fondamentale del diritto alla libertà di religione o di credo: un diritto spesso leso. "Dal 2010, la Costituzione svizzera vieta specificamente ai musulmani di costruire minareti, incorporando così gli stereotipi anti-islamici e violando gli obblighi internazionali che la Svizzera è tenuta a rispettare, mentre nella regione spagnola della Catalogna, i musulmani devono pregare in strada perché le sale di preghiera esistenti sono troppo piccole per accogliere tutti i fedeli". E le autorità non acconsentono alla creazione di nuove moschee. "Questo atteggiamento - conclude Parolini - sta generando violazioni dei diritti umani e deve essere contrastato".



Scrivici via Email:
lmticino@yahoo.fr
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Invero, la religione presso Allah è l'Islàm

Allah testimonia, e con Lui gli Angeli e i sapienti, che non c'è dio all'infuori di Lui, Colui Che realizza la giustizia. Non c'è dio all'infuori di Lui, l'Eccelso, il Saggio. Invero, la religione presso Allah è l'Islàm*. Quelli che ricevettero la Scrittura caddero nella discordia, nemici gli uni degli altri, solo dopo aver avuto la scienza. Ma chi rifiuta i segni di Allah, [sappia che] Allah è rapido al conto. [Corano, 3:18-19]
*[“la religione presso Allah è l'Islàm”: nel rapporto tra uomo e il suo Creatore, (gloria a Lui l'Altissimo) la posizione del primo non può essere che di totale sottomissione, cioè islamica]