Crediamo in Dio e in tutti i Suoi Profeti

Di': “Crediamo in Allah e in quello che ha fatto scendere su di noi e in quello che ha fatto scendere su Abramo, Ismaele, Isacco, Giacobbe e le Tribù, e in ciò che, da parte del Signore, è stato dato a Mosè, a Gesù e ai Profeti: non facciamo alcuna differenza tra loro e a Lui siamo sottomessi”. [Corano, 3:84]

30 maggio 2012

IL KHIDR, MŪSĀ SU LUI LA PACE, E L'ONNIAGENZA DIVINA.

di Sheikh Abdu-r-Rahman Pasquini

Modello Tolemaico

Chiesero a Mūsā: “ Chi è l’uomo più sapiente?” Rispose: “ Sono io!”. Allàh, rifulga lo splendore della Sua Luce, gli mandò a dire: “ Non sei tu. E’ un servo al quale abbiamo insegnato una scienza da Noi proveniente”. Mūsā, su lui la pace, si mise in viaggio con il suo aiutante di campo alla ricerca del servo, privilegiato da Allàh con una scienza da Lui proveniente. Dopo peripezie di viaggio, lo incontrarono.



Racconta Allàh, Possente ed Eccelso Egli è: “Incontrarono uno dei Nostri servi, al quale avevamo concesso misericordia da parte Nostra e al quale avevamo insegnato una scienza da Noi proveniente. 66. Chiese [Mosè]: “Posso seguirti per imparare quello che ti è stato insegnato [a proposito] della retta via?”. 67. Rispose: “Non potrai essere paziente con me.68. Come potresti avere pazienza dinnanzi a cose, di cui non hai esperienza?
69. Disse [Mosè]: “Se Allah vuole sarò paziente e non disobbedirò ai tuoi ordini”; 70. [e l'altro] ribadì: “Se vuoi seguirmi, non dovrai interrogarmi su alcunché, prima che io te ne parli”. 71. Partirono entrambi e, dopo essere saliti su una nave, quello vi produsse una falla. Chiese [Mosè]: “Hai prodotto la falla per far annegare tutti quanti? Hai certo commesso qualcosa di atroce!”. 72. Rispose: “Non ti avevo detto che non avresti avuto pazienza riguardo a ciò di cui non hai esperienza?”. 73. Disse: “Non essere in collera per la mia dimenticanza e non impormi una prova troppo difficile”. 74. Continuarono insieme e incontrarono un giovanetto che [quello] uccise. Insorse [Mosè]: “Hai ucciso un incolpevole, senza ragione di giustizia? Hai certo commesso un'azione orribile”. 75. Rispose: “Non ti avevo detto, che non avresti avuto pazienza riguardo a ciò di cui non hai esperienza?”.76. Disse [Mosè]: “Se dopo di ciò ancora ti interrogherò, non mi tenere più insieme con te. Ti prego di scusarmi”. 77. Continuarono insieme e giunsero nei pressi di un abitato. Chiesero da mangiare agli abitanti, ma costoro rifiutarono l'ospitalità. S'imbatterono poi in un muro che minacciava di crollare e [quello] lo raddrizzò. Disse [Mosè]: “Potresti ben chiedere un salario per quello che hai fatto”. 78. Disse: “Questa è la separazione. Ti spiegherò il significato di ciò che non hai potuto sopportare con pazienza. 79. Per quel che riguarda la nave, apparteneva a povera gente che lavorava sul mare. L’ho danneggiata perché li inseguiva un tiranno che l'avrebbe presa con la forza. 80. Il giovane aveva padre e madre credenti, abbiamo voluto impedire che imponesse loro ribellione e miscredenza
81. e abbiamo voluto che il loro Signore desse loro in cambio [un figlio] più puro e più degno di affetto.
82. Il muro apparteneva a due orfani della città e alla sua base c'era un tesoro che apparteneva loro. Il loro padre era uomo virtuoso e il tuo Signore volle che raggiungessero la loro età adulta e disseppellissero il loro tesoro; segno questo della misericordia del tuo Signore. Io non l’ho fatto di mia iniziativa. Ecco perché non hai avuto pazienza”. [Corano, Sura 18, La Caverna].

Questo episodio contiene il Messaggio della Onniagenza di Allàh, rifulga lo splendore della Sua Luce, che Allàh ha voluto dare a Mūsā, su lui la pace, e agli uomini, i quali guardano all’apparenza delle cose, come i TOLEMAICI, i quali pensano, sulla base dell’apparenza, che sia il Sole a girare attorno alla Terra. Il Khidr è lo strumento di Allàh, rifulga lo splendore della Sua Luce, per comunicare agli uomini, che EGLI ha creato COPERNICANI, che prima di ogni evento c’è il DECRETO DIVINO, che ne è la CAUSA (ma fa’àltu-hu ‘àn àmr-y). Allàh comunque ne sa di più.
Modello Copernicano
Modello copernicano


Scrivici via Email:
lmticino@yahoo.fr
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Invero, la religione presso Allah è l'Islàm

Allah testimonia, e con Lui gli Angeli e i sapienti, che non c'è dio all'infuori di Lui, Colui Che realizza la giustizia. Non c'è dio all'infuori di Lui, l'Eccelso, il Saggio. Invero, la religione presso Allah è l'Islàm*. Quelli che ricevettero la Scrittura caddero nella discordia, nemici gli uni degli altri, solo dopo aver avuto la scienza. Ma chi rifiuta i segni di Allah, [sappia che] Allah è rapido al conto. [Corano, 3:18-19]
*[“la religione presso Allah è l'Islàm”: nel rapporto tra uomo e il suo Creatore, (gloria a Lui l'Altissimo) la posizione del primo non può essere che di totale sottomissione, cioè islamica]