Crediamo in Dio e in tutti i Suoi Profeti

Di': “Crediamo in Allah e in quello che ha fatto scendere su di noi e in quello che ha fatto scendere su Abramo, Ismaele, Isacco, Giacobbe e le Tribù, e in ciò che, da parte del Signore, è stato dato a Mosè, a Gesù e ai Profeti: non facciamo alcuna differenza tra loro e a Lui siamo sottomessi”. [Corano, 3:84]

29 giugno 2012

Ticino: meno musulmani ma piú interesse per l'Islam

"Molti musulmani sono in Ticino solo di passaggio" - GdP

Giornale del popolo del 23.06.2012
I musulmani in Ticino diminuiscono. È quanto emerge dalle statistiche contenute nel Censimento 2010 della popolazione svizzera sulle appartenenze religiose pubblicate nei giorni scorsi per la prima volta dal censimento della popolazione 2000. I dati evidenziano un aumento del 0,9% del numero di musulmani in Svizzera che oggi rappresentano il 4,5% del totale della popolazione. Il Ticino, tuttavia, si posiziona solo al 14esimo posto nella graduatoria per numero di musulmani residenti (ai primi posti si trovano i Cantoni di Zurigo, Argovia, Berna e San Gallo) con una percentuale molto bassa rispetto al totale della popolazione (circa l’1,7%). Nel 2000 i musulmani nel nostro Cantone erano 5.747, oggi sono 4.960. «la contro tendenza che assistiamo in Ticino me la spiego in parte con il fatto che il nostro è generalmente visto come un Cantone di passaggio e che molti immigrati fanno ritorno nei loro paesi una volta che il contesto laggiù diventa stabile - Nota l'imam della moschea di Lugano-Viganello Samir Jelassi -. Non dobbiamo neppure dimenticare che alcuni scelgono di non dichiarare la loro fede per paura della crescente discriminazione (come evidenziato dall’ultimo rapporto di Amnesty International) o per motivi di privacy»  Anche a livello mediatico spesso l’Islam viene tematizzato soprattutto nel contesto di conflitti politici o di violenza. «Tutta la nostra comunità paga e risente della strumentalizzazione che viene fatta di certi avvenimenti». 

Tuttavia, i segnali incoraggianti ci sono. Nel suo blog la Lega Musulmani Ticino rileva che, secondo recenti statistiche di “Google Trends”, nel nostro Cantone l’interesse per il tema “Islam” è percentualmente più grande che in altre località (la sola città di Lugano si trova al 6° posto in assoluto). «Questi tendenza ci fa piacere e ci dà la spinta a lavorare ancora meglio per far conoscere alla gente questa religione tanto bella quanto incompresa».
In passato la comunità musulmana ha dovuto confrontarsi con momenti particolarmente difficili a seguito degli attentati del’11 settembre 2001 e di altri avvenimenti che hanno caratterizzato la scena politica internazionale. «Per parecchio tempo è circolato un sentimento di paura verso di noi – rileva l’Imam –. Di conseguenza, anche in Ticino, sono maturati diversi pregiudizi». Oltre alla guida delle preghiere, il ruolo dell’Imam Jelassi è anche quello della ricerca della convivenza e del dialogo con tutti i membri della comunità musulmana e con tutte le religioni del Ticino. «Condividiamo con i nostri fratelli cristiani molte tematiche legate all’etica e al rispetto della vita – conclude –. Molte persone credono che tra crstianesimo, islamismo e ebraismo siano più le differenze che i punti di unione. Io invece sostengo il contrario: abbiamo molto in comune e questo va valorizzato, promosso e approfondito».


Di Cecilia Brenni, il "Giornale del Popolo" del 23.06.2012


Forum Dialogo Interreligioso (grigliata Monte Bré)
 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Invero, la religione presso Allah è l'Islàm

Allah testimonia, e con Lui gli Angeli e i sapienti, che non c'è dio all'infuori di Lui, Colui Che realizza la giustizia. Non c'è dio all'infuori di Lui, l'Eccelso, il Saggio. Invero, la religione presso Allah è l'Islàm*. Quelli che ricevettero la Scrittura caddero nella discordia, nemici gli uni degli altri, solo dopo aver avuto la scienza. Ma chi rifiuta i segni di Allah, [sappia che] Allah è rapido al conto. [Corano, 3:18-19]
*[“la religione presso Allah è l'Islàm”: nel rapporto tra uomo e il suo Creatore, (gloria a Lui l'Altissimo) la posizione del primo non può essere che di totale sottomissione, cioè islamica]