Crediamo in Dio e in tutti i Suoi Profeti

Di': “Crediamo in Allah e in quello che ha fatto scendere su di noi e in quello che ha fatto scendere su Abramo, Ismaele, Isacco, Giacobbe e le Tribù, e in ciò che, da parte del Signore, è stato dato a Mosè, a Gesù e ai Profeti: non facciamo alcuna differenza tra loro e a Lui siamo sottomessi”. [Corano, 3:84]

25 settembre 2012

Islam: Miti da sfatare


MITI DA SFATARE

 Sorgente: walidmuslim.

Il lavaggio del cervello mediatico che dura da oltre 9 anni, nato per supportare politiche di invasione e guerrafondaie, ha indotto molti ad avere un'idea dell'Islam completamente sbagliata. Ma questa distorsione volontaria, basata maliziosamente sul comportamento di pochi individui ricercati con la lente di ingrandimento tra l'oltre 1,5 miliardi di fedeli, non ha retto il confronto con la verità inducendo molte persone ad informarsi. Infatti un numero enorme (letteralmente milioni) di persone hanno abbracciato (specie in Occidente) l'Islam dopo averlo conosciuto, e le donne rappresentano la maggioranza.

Disonesto elevare a rappresentante dell'Islam persone di "semplice nascita" Islamica  che a volte agiscono in modo contrario allo stesso credo Religioso e sono palesemente "non praticanti".
La fede va sempre separata da chi la pratica, e chi non lo fa è fazioso oltre che intellettualmente disonesto. In questa sezione risponderemo brevemente alle più comuni domande, collegando a pagine interne che trattano più specificamente il tema.
Una rapida panoramica è anche data dalla pagina:




D: L'Islam è una nuova Religione?
R: FALSO  

L'Islam è sempre stata la religione di tutti i Profeti, da Adamo, Abramo, Noè, Mosè Gesù ed infine l'ultimo Profeta Muhammad (Pace su tutti loro). Esso esprime il concetto di sottomissione ad Dio e conferma i testi Sacri precedenti come Torah Ebraica e Vangelo.

Di': "Crediamo in Allah e in quello che ha fatto scendere su di noi e in quello che ha fatto scendere su Abramo, Ismaele, Isacco, Giacobbe e le Tribù, e in ciò che, da parte del Signore, è stato dato a Mosè, a Gesù e ai Profeti : non facciamo alcuna differenza tra loro e a Lui siamo sottomessi".
(Corano Sura 3 v.84)

"Ha fatto scendere su di te il Libro con la verità, a conferma di ciò che era prima di esso. E fece scendere la Torâh (Bibbia Ebraicae l'Ingîl(Vangelo),
in precedenza, come guida per le genti..."
(Corano Sura 3 v.3,4)

Questo è un Libro benedetto, che abbiamo fatto scendere a conferma di quello che era [stato rivelato] prima di esso...
(Corano Sura 6 v.92)

E molti altri versetti ancora...

DAllah è un'altro Dio o il Dio dei Musulmani?
R: FALSO  
Allah è la parola Araba con cui si dice: Dio.
Dio è una parola appartenente alla lingua Italiana con cui identifichiamo il Creatore di tutte le cose. Gesù** non parlava certo Italiano e non diceva: Dio. I Francesi ad esempio non dicono "Dio", ma Dieu, gli Inglesi dicono "God", gli Arabi dicono "Allah". Ogni lingua ha la sua parola per chiamare il Dio di Abramo, Mosè, Gesù e Muhammad (Pace su tutti loro). Da sapere che nella Bibbia in lingua araba Dio è chiamato: Allah


DL'Islam è una religione che promuove il terrorismo e la violenza?
R: FALSO  

L'Islam vieta assolutamente di opprime o terrorizzare gli altri. Come anche nella Bibbia o nei codici di Legge moderni, l'Islam permette invece di difendersi (in modo proporzionato) da aggressioni o oppressioni. Dice il Corano:

Non spargete la corruzione sulla terra, dopo che è stata resa prospera.  
(Corano - Sura 7 v.56)

chiunque uccida un uomo che non abbia ucciso a sua volta o che non abbia sparso la corruzione sulla terra, sarà come se avesse ucciso l'umanità intera. E chi ne abbia salvato uno, sarà come se avesse salvato tutta l'umanità
(Corano Sura 5 v.32)

Non vi spinga all'iniquità l'odio per un certo popolo. Siate equi: l'equità è consona alla devozione. Temete Allah.
(Corano Sura 5 v.8)

Il Corano in merito al diritto alla difesa dice:

A coloro che sono stati aggrediti è data l'autorizzazione [di difendersi], perché certamente sono stati oppressi
(Corano Sura 22 v.39-40)

Combattete per la causa di Allah contro coloro che vi combattono, ma senza eccessi, ché Allah non ama coloro che eccedono
(Corano Sura 2 v.190)

Il Corano inoltre invita alla civile convivenza con tutti, tranne ovviamente con coloro aggrediscono o attaccano la comunità:

“Allah non vi proibisce di essere buoni e giusti nei confronti di coloro che non vi hanno combattuto per la vostra religione e che non vi hanno scacciato dalle vostre case, poiché Allah ama coloro che si comportano con equità. Allah vi proibisce soltanto di essere alleati di coloro che vi hanno combattuto per la vostra religione, che vi hanno scacciato dalle vostre case, o che hanno contribuito alla vostra espulsione...”
(Corano Sura 60 v.8)

Vorremo poter dire la stessa cosa noi Musulmani Italiani visto le DECINE di attentati subiti dalle Moschee in Italianel silenzio TOTALE dei media che non reputano importante evidentemente tali violenze ed aggressioni, come questo video con il Fratello "Hamza" Roberto Piccardo spiega.





<------GUARDA IL VIDEO








DL'Islam consente gli attacchi contro innocenti?
R: FALSO  

Il Profeta Muhammad**, l'uomo più oppresso del mondo, non ha mai ucciso una sola donna o bambino. Questa è la sua Sunna (tradizione-via da seguire), anzi, indicò chiaramente i limiti da rispettare durante i conflitti:
"Non uccidete i bambini. Evitate di molestare quei devoti che adorano nelle chiese! Non trucidate le donne e gli anziani. Non mettete a fuoco o tagliate gli alberi. Non distruggete le case!"
(Il Profeta Muhammad**,)

Le domande che poniamo noi invece sono:
-Un pilota di un jet militare o chi preme un bottone per lanciare un missile ha invece il permesso di uccidere donne, bambini ed innocenti? E' meno colpevole o giudicabile per il suo "modo tecnologico" di togliere la vita?
-Perchè in Iraq 1,3 milioni di persone sono morte dal 2003?
-Perchè in Afganistan oltre 700.000?
-I "non Musulmani" quando aggrediscono in guerra possono uccidere ed usare armi proibite come "Il fosforo bianco" a Falluja (Iraq) o la atomica su civili innocenti come nella 2° Guerra mondiale (Hirosima e Nagasaki)?
-Essendo questi Militari di religione a maggioranza Cristiana, il Cristianesimo permette questo ed è quindi violento e terrorista?
-Gesù figlio di Maria ha insegnato questo?
-Per colpa di questi uomini il Cristianesimo deve essere ricordato come religione di morte e distruzione?
-Chi uccide innocenti con un missile e chi uccide con un'autobomba sono forse diversi dinanzi ad Allah(Dio)***?
-Perchè il primo è considerato "eroe di guerra" o "valoroso combattente" ed il secondo "terrorista" se in tali azioni muoiono comunque bambini e donne?


A voi la risposta....
E' ben nota la storia accaduta sotto il Califfo Umar ibn Al Khattab (r.A.a.). Il Figlio di Amr ibn Al As (r.A.a.), governatore dell'Egitto all'epoca, durante una discussione prese a schiaffi un Cristiano facendosi forte della sua posizione di "Musulmano, in terra Islamica, e figlio dell'Emiro locale". 
Il Cristiano partì per andare a protestare dinanzi al Califfo Umar (r.A.a.) dell'abuso subito. Ebbene, Il Califfo dell'Islam ordinò al Cristiano di dare uno schiaffo (dinanzi a tutti) non solo al figlio di Amr Ibn Al As (r.A.a.) ma anche al padre stesso per non aver impedito tale supruso ed esser stato un pessimo rappresentante e leader Islamico!Esempi ben lontani da realtà odierne, sia in occidente che nei "cosiddetti" paesi Islamici guidati da (ahinoi) pessimi Musulmani, se non proprio ipocriti.
L'Islam non consente tali abusi ed ingiustizie, e non importa se si sia Musulmani, Ebrei, Cristiani, Buddisti o meno. La Giustizia Divina non ammette favoritismi ed il rispetto e la protezione di tutti è un dovere ed ordine di Allah (s.w.t.).
Come il Corano ricorda, Muhammad** ed il Suo Messaggio sono "una misericordia per il creato" (ovvero tutti).



DL'Islam rinnega Gesù?
R: FALSO  
Gesù* (chiamato in arabo : ISA IBN MARYEM - Gesù figlio di Maria o AL MASIAH - il Messia) è considerato nell'Islam uno dei maggiori Profeti, portatore del Vangelo (Ingil), nato senza padre dalla Vergine Maria (la migliore donna del Mondo), ed operò grandi miracoli che il Corano narra svariate volte.
Nel Corano è nominato 81 volte,(vedi indice dei nomi nel Corano)  è presente in44 Sure (Capitoli, pari al 30%) del Corano, e vi è la Sura 19 intitolata MERYEM (Maria), la madre di Gesù. Si pensi che non esiste invece una Sura o un solo versetto ove si nomina la madre del Profeta Muhamamd**. Questo palesa la grande considerazione che l'Islam ha del Profeta di Allah(Iddio)***: Gesù*. L'Islam lo considera appunto un grande Profeta, non Dio fatto uomo ne parte di tre. Secondo l'Islam nessuno al di fuori di Allah (Iddio)*** va adorato, ne Muhammad, ne Mosè, ne Gesù. I Musulmani basano tutto sul monoteismo (Tahwid) come il primo comandamento ordina:
NON AVRAI ALTRO DIO ALL'INFUORI DI ME


LINK - IL MONOTEISMO




D: L'Islam sottomette la donna?
R: FALSO  

L'Islam al contrario libera la donna da una serie di schiavitù ed oppressioni Ed inoltre il Corano cita:

"Non c'è costrizione nella religione"
(CORANO SURA 2 V.256).

Leggiamo invece della donna in Italia:

Sono in tutto 14 milioni le italiane che hanno subito almeno una volta nella vita atti di violenza fisica.
Da libero.it (lifestyle -  25 Novembre 2008)  

Tredici stupri al giorno
ma poche denunce
Da Repubblica.it ( 20 Aprile 2008)

Quelle 70 mila schiave del sesso
Per il racket affari per un miliardo
Da repubblica.it (6 Giugno 2008)

Stupri, il 70% e' opera di partner
Le donne maggiormente a rischio, secondo l'Ami, sono quelle che hanno un partner il cui padre picchiava la propria madre (30%)
Da ANSA.IT (20 Gennaio 2010)

Ragazze nude che leggono libri
ma ad alta voce, al pubblico pagante 
Da Repubblica.it (15 Gennaio 2010)

"Se il mio fondoschiena vale più di due lauree"
Da Repubblica.it (17 luglio 2007) 

L' Italia un paese di veline dove le donne sono solo oggetti
Da repubblica.it (15 Luglio 2007)

E la lista dell'oppressione femminile, sia fisica che morale, è molto più lunga.
Guardare alla donna nell'Islam quando si hanno questi risultati risulta quindi fuori luogo.

D: L'Islam permette la Poligamia?
R:VERO

L'Islam non consente l'adulterio presente oggi in modo diffuso e capillare nel nostro Paese, e che rappresenta comunque "poligamia", ma della peggior specie.
La poligamia viene vista come estranea alle radici Cristiane d'Europa ed ostacolata (tollerando gli adulteri sempre crescenti), eppure:

Il Portogallo dice sì ai matrimoni gay
E' il sesto Paese in Europa
Da Repubblica.it (8 Gennaio 2010)

Non crediamo che quindi ci si debba stupire di una norma sempre esistita e praticata dai Profeti Biblici come Abramo, Davide Salomone etc. La Poligamia (presente nel mondo Islamico nella minima percentuale del 2%) si pone comesoluzione a specifici problemi ed alla scelta diffusissima di tradire la propria moglie (percentuali molto elevate nel nostro Paese), contro il divorzio in caso di problemi "coniugali" da parte della moglie, contro l'abbandono nella solitudine di donne divorziate/vedove e con figli, contro l'eccesso di donne rispetto agli uomini, contro l'uso di una donna "oggetto sessuale" a cui molte "amanti" vengono degradate. Infatti la Poligamia obbliga l'uomo a rendere lecite tutte le relazioni, non viverle in clandestinità, e rendere pari diritti a tutte le donne con cui ha una relazione. I figli devono essere riconosciuti, la donna deve ricevere diritti, protezione, dote, tranquillità economica e sociale senza discriminazioni. Il risultato della vietata poligamia è anche questo:

Genetica: 30% di chi chiede test scopre di non essere  padre
Da: tradimento.net

Milioni di figli privati del proprio padre o famiglia reale. Oggi "un'amante" non ha nessun diritto ufficiale e la relazione può essere interrotta in ogni momento senza garanzie per la donna ne per il bambino eventualmente nato dalla relazione (clandestina). Questo l'Islam non lo consente in difesa della dignità femminile e della donna in generale. La possibilità di Poligamia va dichiarata apertamente all'atto del matrimonio con la prima moglie che può rifiutare. Il 30% dei figli nel mondo sono illegittimi, il 10% la stima in Italia, i matrimoni che si vivono nell'adulterio sono ormai la maggioranza. I dati confermano poi che gliomicidi passionali superano addirittura quelli per Mafia. La poligamia, usata quando necessario, si pone come unico ostacolo e soluzione a molti problemi oggi presenti.


LINK - POLIGAMIA

D: L'Islam costringe le persone ad essere Musulmani?
R: FALSO  

L'Islam non può costringere nessuno ad essere Musulmano perchè la fede è una questione intima e privata tra l'uomo ed il Creatore***. Il Profeta** è chiamato chiaramente "nunzio e ammonitore", mandato per avvisare e non per costringere. Difatti il Corano dice:

"Non c'è costrizione nella religione"
(CORANO SURA 2 V.256)

Dì:«La verità [proviene] dal vostro Signore:
creda chi vuole e chi vuole neghi».
(CORANO SURA 18 V.29)

Ebbene, Noi ti abbiamo inviato solo come nunzio e ammonitore.
Di': « Non vi chiedo ricompensa alcuna, ma solo che, chi lo voglia, segua la via [che conduce] al suo Signore».
(CORANO SURA 25 V.56,57)
               


D: I Musulmani non tollerano le altre religioni?
R: FALSO  

L'Islam consente alle persone di vivere la propria religione. Gli Ebrei ed i Cristiani hanno avuto sempre i loro luoghi di culto anche durante i vari conflitti dell'epoca medioevale. Difatti in Egitto come a Gerusalemme o altrove, esistono ancora chiese e monasteri risalenti a secoli passati sotto la dominazione Islamica. La "presunta" intolleranza che oggi molti dicono appartenere ai Musulmani è una dichiarazione estremamente falsa. Il Profeta Muhamamd** in un incontro con una delegazione di Cristiani Abissini per discutere della natura di Gesù**, diede la sua Moschea a Medina in uso ai Cristiani per celebrare la Messa. Questo gesto esprime una grande tolleranza tramandataci dal Profeta Muhammad**. Il mondo Islamico oggi conta molte Chiese stupende ( e non garage a cui sono ridotti molti Musulmani nel nostro Paese per divieti "burocratici" mirati ed usati come ostacolo). La Jiza (tassa per i non Musulmani oggi non esistente) esentava Ebrei e Cristiani dal combattere, anzi, i Musulmani avevano l'obbligo di difenderli in caso di guerra. Inoltre i non Musulmani erano esenti dal pagare  la più onerosa Zakat (Decima) a cui tutti gli altri erano sottoposti.  La diversità è un bene ed una volontà di Allah(Dio)**. Il Corano dice infatti:

Ad ognuno di voi abbiamo assegnato una via e un percorso.
Se Allah avesse voluto, avrebbe fatto di voi una sola comunità. Vi ha voluto però provare con quel che vi ha dato. Gareggiate in opere buone: tutti ritornerete ad Allah ed Egli vi informerà a proposito delle cose sulle quali siete discordi.
(CORANO SURA 5 V.48)

Allah non vi proibisce di essere buoni e giusti nei confronti di coloro che non vi hanno combattuto per la vostra religione e che non vi hanno scacciato dalle vostre case, poiché Allah ama coloro che si comportano con equità. 
(Corano - SURA 60 v.8)

D: L'Islam è violento perchè vi è la Sharia!
R: FALSO  

La Sharia (Legge di Iddio da cui deriva la Giurisprudenza Islamica) contempla in "rarissimi" casi alcune pene corporali a fini correttivi e di monito per la società (specie chi corrompe e sparge corruzione, violenza, oppresione)
Come negli U.S.A., in Cina ed altrove, la pena di morte o le punizioni corporali esistono ma sotto un'ottica ed una giurisprudenza diversa. Il Corano cita la "Fustigazione in pubblico" per chi calunnia una donna o commette fornicazione, cita la (rarissima) lapidazione per adultero/adultera, il taglio della mano per il ladro. Iniziamo con il dire che il 2° Califfo e Compagno del Profeta** di nome Umar Ibn Al Khattab non consentiva il taglio della mano al ladro se in casa sua non  vi si trovassero derrate alimentari sufficienti per almeno 3 mesiPraticamente mai, ed ai poveri non veniva quindi mai applicata la pena a causa della loro indigenza, anzi venivano dirottati al "Ministero della Zakat" (Decima) per prendere il sussidio gratuito visto il bisogno. In merito alla lapidazione (citata anche nella Bibbia diverse volte), essa era applicata in pari modo dall'uomo ed alla donna senza distinzione ed in caso di adulterio (tradimento del marito/moglie), questa però era molto difficile da attuare. Difatti per applicarla il Corano chiede almeno 4 testimoni oculari che "contemporaneamente" abbiano visto l'adulterio ( quasi impossibile), ed inoltre:

 E sia risparmiata [la punizione alla moglie] se ella attesta quattro volte in Nome di Allah che egli è tra i mentitori,  
e la quinta [attestazione invocando] l'ira di Allah su sé stessa se egli è tra i veritieri.  ,
(CORANO SURA 24 V. 8,9)

Basta giurare su Allah(Dio)*** e la testimonianza deve essere accettata e ritenere l'imputato/a veritiero/a.
Se qualcuno invece osava calunniare le donne ingiustamente per metterle in difficoltà il Corano si pone a difesa della donna in modo netto:

 E coloro che accusano le donne oneste senza produrre quattro testimoni, siano fustigati con ottanta colpi di frusta e non sia mai più accettata la loro testimonianza. Essi sono i corruttori, 
(CORANO SURA 24 V. 8,9)

La RARISSIMA lapidazione avveniva solo per i "reo confessi" che pentiti volevano espiare (spesso per propria volontà) in questo modo la loro malefatta nei confronti della moglie/marito.
Oggi è praticamente scomparsa (sono pochi i casi), mentre nella nostra società gli omicidi passionali dovuti ad un comportamento "disordinato" nelle relaizoni provoca un'ondata di omicidi (quindi molti più morti), figli illegittimi e gravi problemi.

Oltre un quarto degli omicidi compiuti in famiglia
"Tra gli omicidi che si consumano in famiglia quelli di coppia (tra coniugi, conviventi, partner ed ex coniugi/partner) sono prevalenti."
Da Panorama-blog.it (29 Maggio2007)

La lapidazione o il taglio della mano hanno lo scopo soprattutto "deterrente", per evitare proprio la corruzione ed i morti che oggi affliggono la nostra società. La "asettica" matematica dei numeri insieme ad una panoramica sulla società è molto più preoccupante del "deterrente" Coranico. Al contrario usare la pena di morte come in USA o Cina senza regole Coraniche provoca morti  senza abbassare la disparità sociale o le ingiustizie, che anzi sono crescenti. Da dire comunque che quasi nessun Paese Islamico applica oggi la Sharia. Utile rileggere i dati e le notizie su cosa accade nella nostra società ai seguenti link:
LINK - POLIGAMIA

D: L'Islam ha divieti alimentari?
R:  VERO

L'Islam ha cura della persona non solo spiritualmente ma anche fisicamente. I divieti alimentari più noti sono:

  1. La carne di maiale
  2. L'Alcool e sostanze inebrianti o intossicsnti
  3. La carne non uccisa in modo "rituale" ovvero non "halal" (Lecita)

Abbiamo parlato nella sezione di BIBBIA E CORANO del maiale e della sua carne poco salutare e foriera di molti agenti patogeni (leggi il link).
Anche nella sezione Alcool (leggi il link) i costi umani e sociali e le emergenze continue di questa piaga sociale è stata illustrata ed invitiamo ad approfondirla.
La carne "halal" (Lecita) richiede che l'animale sia sgozzato, privato del sangue e vi sia nominato il nome di Allah(Dio)*** all'atto della macellazione. Gli Ebrei hanno un metodo simile che rende la carne loro lecita per i Musulmani e viceversa. Il metodo industriale secondo una ricerca (leggi il link) inoltre induce a maggior sofferenza l'animale durante l'atto della macellazione.

LINK - IL MAIALE

LINK - L'ALCOOL

  Sorgente: walidmuslim.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Invero, la religione presso Allah è l'Islàm

Allah testimonia, e con Lui gli Angeli e i sapienti, che non c'è dio all'infuori di Lui, Colui Che realizza la giustizia. Non c'è dio all'infuori di Lui, l'Eccelso, il Saggio. Invero, la religione presso Allah è l'Islàm*. Quelli che ricevettero la Scrittura caddero nella discordia, nemici gli uni degli altri, solo dopo aver avuto la scienza. Ma chi rifiuta i segni di Allah, [sappia che] Allah è rapido al conto. [Corano, 3:18-19]
*[“la religione presso Allah è l'Islàm”: nel rapporto tra uomo e il suo Creatore, (gloria a Lui l'Altissimo) la posizione del primo non può essere che di totale sottomissione, cioè islamica]