Crediamo in Dio e in tutti i Suoi Profeti

Di': “Crediamo in Allah e in quello che ha fatto scendere su di noi e in quello che ha fatto scendere su Abramo, Ismaele, Isacco, Giacobbe e le Tribù, e in ciò che, da parte del Signore, è stato dato a Mosè, a Gesù e ai Profeti: non facciamo alcuna differenza tra loro e a Lui siamo sottomessi”. [Corano, 3:84]

5 novembre 2012

"La morte" - intervista del Corriere all'imam Jelassi


Corriere del ticino, 31.10.2012

La morte è considerata nell’Islam come «un momento fondamentale, un momento di passaggio alla vita vera, quella che non avrà mai fine dove ogni anima otterrà il frutto delle sue opere nella vita terrena». Lo dice Samir Radouan Jelassi, l’imam della moschea di Lugano. Se una persona sta per morire vengono avvertiti i familiari e gli amici intimi, così che possano infondergli coraggio, aiutarlo nel pentimento e supportarlo nella fede in Allah. Non lo devono mai lasciare solo. La pratica impone di perdonarlo e purificarlo in modo che la sua anima possa viaggiare leggera e in pace.

foto: cimitero islamico di Lugano
«Quando il fedele è deceduto – specifica il nostro interlocutore – si lava il suo corpo con acqua e sapone, poi lo si avvolge in un semplice sudario di colore bianco, che è il simbolo della purezza». Subito dopo inizia la preghiera collettiva, con cui si chiede ad Allah di avere misericordia del defunto, perdono per i suoi peccati e di accoglierlo nel miglior modo offrendogli il Paradiso. In seguito la salma viene trasportata al cimitero musulmano e sepolta secondo il rito islamico in un clima di forte spiritualità.


«Il periodo di lutto per i familiari è di tre giorni, prolungabili a 40», continua l’imam. «Si ricevono visite di cordoglio e vanno evitati abiti decorativi o gioielli. Anche il 40. giorno dopo la morte, familiari e amici vanno a rendere omaggio al defunto, come pure a ogni anno dalla scomparsa, secondo le abitudini». La comunità, inoltre, tradizionalmente ricorda i morti ogni giovedì o venerdì con preghiere ed elemosine al loro favore. I musulmani credono alla vita ultraterrena. «La dimora dell’Oltre – continua Jelassi – spetta a chi teme il Dio unico e i suoi frutti saranno perenni, infatti il Corano riporta:

Quelli che invece credono e compiono il bene sono i migliori di tutta la creazione. Presso il loro Signore, la loro ricompensa saranno i Giardini di Eden, dove scorrono i ruscelli, in cui rimarranno in perpetuo. Allah si compiace di loro e loro si compiacciono di Lui. Ecco [cosa è riservato] a chi teme il suo Signore (Cor. 98:8-9).

Inoltre, chi è portatore di bene riceverà molto di più di quanto si aspettava».




Articoli simili:


Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Invero, la religione presso Allah è l'Islàm

Allah testimonia, e con Lui gli Angeli e i sapienti, che non c'è dio all'infuori di Lui, Colui Che realizza la giustizia. Non c'è dio all'infuori di Lui, l'Eccelso, il Saggio. Invero, la religione presso Allah è l'Islàm*. Quelli che ricevettero la Scrittura caddero nella discordia, nemici gli uni degli altri, solo dopo aver avuto la scienza. Ma chi rifiuta i segni di Allah, [sappia che] Allah è rapido al conto. [Corano, 3:18-19]
*[“la religione presso Allah è l'Islàm”: nel rapporto tra uomo e il suo Creatore, (gloria a Lui l'Altissimo) la posizione del primo non può essere che di totale sottomissione, cioè islamica]