Crediamo in Dio e in tutti i Suoi Profeti

Di': “Crediamo in Allah e in quello che ha fatto scendere su di noi e in quello che ha fatto scendere su Abramo, Ismaele, Isacco, Giacobbe e le Tribù, e in ciò che, da parte del Signore, è stato dato a Mosè, a Gesù e ai Profeti: non facciamo alcuna differenza tra loro e a Lui siamo sottomessi”. [Corano, 3:84]

9 dicembre 2012

"Professare la fede è un nostro diritto" - Il Caffé



Il Caffé, 09.12.2012

L’appello L’imam di Viganello, Jelassi Radouan Samir, chiede più attenzione alle autorità

Ti-Press L’IMAM
Jelassi Radouan Samir,
capo religioso della Lega
dei musulmani e membro
della Commissione
 federale sul dialogo

“Il problema dei luoghi di culto è un problema reale”. L’imam Jelassi Radouan Samir, è un uomo di dialogo. Usa parole pacate per ribadire l’esigenza di avere più spazi di preghiera, “perché la comunità musulmana è formata da cittadini che lavorano, pagano le tasse, votano, sono integrati nella vita sociale, economica e culturale di questo Paese. Hanno diritti e doveri come tutti. E tra i diritti c’è anche quello, riconosciuto dalla nostra Costituzione, della libertà di culto”.

L’imam Jelassi Radouan Samir, leader spirituale della Lega dei musulmani in Ticino, insiste sulla necessità delle moschee: “Chi viene a Viganello vede che abbiamo spazi molto ridotti. La nostra è una comunità in crescita, abbiamo tanti giovani. E poi una moschea non è unicamente un luogo di culto, anche se questa è la sua prima funzione, ma anche uno spazio d’aggregazione, aperto ai cittadini che vogliono conoscere la realtà dei musulmani”.

 L’imam racconta che in questi ultimi anni attorno al mondo islamico c’è stato molto interesse. “Tanti vengono da noi anche soltanto per capire, vogliono conoscere i valori e i principi dell’Islam - prosegue -. Poi non dimentichiamo che siamo stati tra i primi fondatori del gruppo che promuove il dialogo interreligioso, e che lavora da sei anni sul territorio. Siamo impegnati nel confronto con la società, per promuovere una convivenza pacifica. Questo è un nostro grande impegno, sottolineato anche da studi di diverse università della Confederazione”.

 Il problema delle moschee è vecchio. E non vale soltanto per il Ticino.
“Faccio parte della commissione federale per il dialogo tra le religioni - spiega l’imam - e di questo problema abbiamo discusso più volte a Berna. Servono luoghi di culto adatti, visibili. Il nostro lavoro deve essere valorizzato, riconosciuto e sostenuto dalle autorità con le quali abbiamo un dialogo costante”. Una richiesta, quella dell’imam girata alla Città di Lugano: “Nella quale viviamo. Questa è la nostra terra, la Svizzera, un modello di felice convivenza multiculturale, plurilingue, con una grande tradizione di libertà”.





Leggi anche:

1 commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Invero, la religione presso Allah è l'Islàm

Allah testimonia, e con Lui gli Angeli e i sapienti, che non c'è dio all'infuori di Lui, Colui Che realizza la giustizia. Non c'è dio all'infuori di Lui, l'Eccelso, il Saggio. Invero, la religione presso Allah è l'Islàm*. Quelli che ricevettero la Scrittura caddero nella discordia, nemici gli uni degli altri, solo dopo aver avuto la scienza. Ma chi rifiuta i segni di Allah, [sappia che] Allah è rapido al conto. [Corano, 3:18-19]
*[“la religione presso Allah è l'Islàm”: nel rapporto tra uomo e il suo Creatore, (gloria a Lui l'Altissimo) la posizione del primo non può essere che di totale sottomissione, cioè islamica]