Crediamo in Dio e in tutti i Suoi Profeti

Di': “Crediamo in Allah e in quello che ha fatto scendere su di noi e in quello che ha fatto scendere su Abramo, Ismaele, Isacco, Giacobbe e le Tribù, e in ciò che, da parte del Signore, è stato dato a Mosè, a Gesù e ai Profeti: non facciamo alcuna differenza tra loro e a Lui siamo sottomessi”. [Corano, 3:84]

3 aprile 2013

Birmania: violenze contro i musulmani, scuola islamica in fiamme, 13 ragazzini morti

Ticino online, il 02.04.2013

Myanmar
Brucia scuola islamica, muoiono 13 ragazzini

L'episodio giunge sulla scia di recenti violenze contro la minoranza musulmana nella regione centrale del paese

Foto Keystone
BANGKOK - Un incendio scatenatosi per cause non ancora accertate ha provocato nella notte la morte di 13 ragazzini, tutti maschi, in una scuola islamica annessa a una moschea a Rangoon, in un episodio che giunge sulla scia di recenti violenze contro la minoranza musulmana nella regione centrale del Paese, che hanno causato almeno 43 morti.

Video
Le fiamme si sono sviluppate attorno alle 2 nel dormitorio nell'area di Botataung, alla periferia est dell'ex capitale. Nonostante il successo dei vigili del fuoco nell'estinguere il rogo e far uscire la maggior parte dei 75 studenti da una porta sfondata, 13 ragazzi - di età tra i 13 e i 14 anni - sono rimasti intrappolati per motivi non ancora chiariti.

Secondo un passante intervistato dalla Reuters, è possibile che le porte fossero sprangate per il timore di attacchi da parte dei buddisti, nel clima di tensione diffusosi dopo le ultime violenze.
Quanto alle cause del rogo, la polizia ha inizialmente parlato di probabile cortocircuito di un trasformatore, ma ha in seguito ammesso che sono necessarie ulteriori indagini. Molti attivisti musulmani temono che non si tratti di un incidente, a conferma della sfiducia reciproca dopo i recenti scontri.
Lo scorso 20 marzo, un'iniziale rissa in un mercato è degenerata in una caccia al musulmano nella città di Meikhtila, conclusasi con almeno 43 morti e 12 mila sfollati. Contenute dallo stato di emergenza proclamato due giorni dopo, le violenze di Meikthila si sono però estese in seguito ad altri distretti vicini, arrivando sino a poche decine di chilometri da Rangoon, città dove risiede una radicata minoranza musulmana.
L'anno scorso due ondate di violenze nello stato Rakhine causarono almeno 180 morti e 120 mila sfollati in gran parte tra la minoranza musulmana di etnia Rohingya, evidenziando il forte pregiudizio anti-islamico diffuso tra i birmani e fomentato per decenni dalla giunta militare.

ats
Fonte: Ticino online


Birmania. Ragazzini arsi vivi in una scuola islamica

In Birmania sembra continuare a fare vittime l’odio contro la minoranza musulmana, fomentato per decenni dalla giunta militare.
In anni di pregiudizi, nel silenzio più totale della comunità internazionale i morti si contano a migliaia e le persone cacciate dalle proprie abitazioni sono quasi 200’000
.
Lunedì notte, un incendio divampato in una scuola islamica annessa a una moschea a Rangoon ha provocato la morte di 13 ragazzini.
Un episodio sulla scia delle recenti violenze contro la minoranza musulmana nel paese asiatico (vedi correlati).
Malgrado stia ancora conducendo le indagini, la polizia ritiene si tratti di un incidente e il governo ha chiesto alla popolazione musulmana di non credere alle voci che girano su Internet circa un incendio doloso.
“Secondo l’inchiesta condotta dai poliziotti del quartiere, il fuoco è stato causato da un cortocircuito nella moschea – ha indicato la polizia nazionale sulla sua pagina Facebook ufficiale.
In un contesto molto teso dopo i violenti scontri di queste ultime settimane tra musulmani e buddisti, gli abitanti musulmani del quartiere in cui sorge la moschea si sono radunati per manifestare i loro dubbi circa le cause dell’incendio : “Molti allievi e professori scampati alle fiamme hanno detto che mentre fuggivano scivolavano su un liquido versato al pianterreno. Aveva odore di benzina – ha dichiarato all’AFP Shine Win, leader di un gruppo della Gioventù musulmana, evocando l’ipotesi di un atto criminale.

Fonte: ticinolive


Leggi anche:

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Invero, la religione presso Allah è l'Islàm

Allah testimonia, e con Lui gli Angeli e i sapienti, che non c'è dio all'infuori di Lui, Colui Che realizza la giustizia. Non c'è dio all'infuori di Lui, l'Eccelso, il Saggio. Invero, la religione presso Allah è l'Islàm*. Quelli che ricevettero la Scrittura caddero nella discordia, nemici gli uni degli altri, solo dopo aver avuto la scienza. Ma chi rifiuta i segni di Allah, [sappia che] Allah è rapido al conto. [Corano, 3:18-19]
*[“la religione presso Allah è l'Islàm”: nel rapporto tra uomo e il suo Creatore, (gloria a Lui l'Altissimo) la posizione del primo non può essere che di totale sottomissione, cioè islamica]