Crediamo in Dio e in tutti i Suoi Profeti

Di': “Crediamo in Allah e in quello che ha fatto scendere su di noi e in quello che ha fatto scendere su Abramo, Ismaele, Isacco, Giacobbe e le Tribù, e in ciò che, da parte del Signore, è stato dato a Mosè, a Gesù e ai Profeti: non facciamo alcuna differenza tra loro e a Lui siamo sottomessi”. [Corano, 3:84]

30 maggio 2013

Il medico più giovane del mondo è un palestinese

Iqbal Mahmoud Al Asaad
Fonte: Ummah News Italia

Iqbal Mahmoud Al Asaad, due volte nel Guinness dei primati. La prima volta quando si diplomò al liceo a 13 anni e adesso di nuovo per aver appena terminato gli studi di medicina a 20 anni!

Leggi! In nome del tuo Signore che ha creato,
ha creato l'uomo da un'aderenza.
Leggi, ché il tuo Signore è il Generosissimo,
Colui che ha insegnato mediante il càlamo,
che ha insegnato all'uomo quello che non sapeva.


Sūrat Al-`Alaq [1-5]

Iqbal Mahmoud Al Asaad, due volte nel Guinness dei primati. La prima volta quando si diplomò al liceo a 13 anni e adesso di nuovo per aver appena terminato gli studi di medicina a 20 anni,  è  il medico più giovane del mondo. Nata e cresciuta in un campo profughi palestinese in Libano, noi possiamo a malapena immaginare le dure condizioni di vita che hanno segnato il suo percorso.


Iqbal Mahmud Al Assaad è nata il 2 febbraio del 1993, da padre palestinese e madre libanese. Ha finito il ciclo di scuola dell'infanzia in un anno, la scuola primaria in due anni e l'istruzione preparatoria (college) in due anni. 

Dopo aver terminato gli studi secondari con l'eccellenza in soli 13 anni, ha ricevuto una borsa di studio per andare a studiare medicina alla Weill Cornell University in Qatar nel 2006. Recentemente ha completato i suoi studi di medicina e si sta preparando a seguire una specializzazione in pediatria negli Stati Uniti grazie ad una nuova borsa di studio del Qatar 

Iqbal è stata premiata dal Presidente della Repubblica libanese Michel Suleiman, e il suo grande successo  è stato accolto da una  meritata folla di centinaia di migliaia di palestinesi che vivono nei campi profughi in Libano, che hanno accolto con orgoglio la notizia del nuovo Guinness di Iqbal, che serve anche a non far dimenticare che Iqbal è cresciuta in questo paese,  dove vivono i palestinesi, che sono stati cacciati dalle loro terre più di 60 anni fa, da parte dell'esercito israeliano,e ancora non hanno il diritto legale di esercitare certi mestieri come quelli del medico, il farmacista o l'ingegnere. 

Il successo di Iqbal attira l'attenzione sui palestinesi che vivono in una situazione drammatica che è cominciata il giorno della Nakba. E che continua attraverso i crimini che passano indisturbati nella cattiva coscienza dell'Europa, e nella sua  codardia morale e politica quando si tratta di denunciare i crimini coloniali dell'occupazione israeliana contro il popolo palestinese.


Naturalmente, la meravigliosa storia di Iqbal non dovrebbe essere l'albero che nasconde la foresta di milioni di giovani costretti ad abbandonare la scuola da parte di un sistema ingiusto che li spinge a prendere la via dell'esilio se non vogliono entrare nelle fila della preda del sottoproletariato e di tutte le sue tentazioni. Ma una stella che brilla in una notte particolarmente buia, una giovane di successo come Iqbal ora può brillare e servire come  esempio vivente di milioni di giovani nel mondo arabo il cui slancio energico e vita cerca a volte di investire in formazione come l'unica e definitiva salvezza.

Mentre per milioni di giovani provenienti da ambienti poveri, la scuola continua ad essere vista, soprattutto come mezzo di fuga, il fatto notevole da notare è che attraverso milioni di singole avventure, possiamo testimoniare il lento emergere di una nuova classe media, la cui identità sociale è basata sulla loro intelligenza, il lavoro e di servizio pubblico. Questa è la nuova classe media, che dovrà spingere sempre più in alto per il cambiamento che i movimenti popolari stanno imponendo nel mondo arabo  mentre le potenze straniere cercano di contrastare e di svuotare la loro sostanza rivoluzionaria.

Possa il meraviglioso viaggio di Iqbal ispirare milioni di giovani affamati di conoscenza, una ricerca aperta della significativa conoscenza fondamentale per ricostruire un nuovo rapporto con il mondo, io e l'altro, libero dall' ingiustizia e dalla guerra. 


Fonte: Ummah News Italia

Leggi anche:

I PENSATORI MUSULMANI

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Invero, la religione presso Allah è l'Islàm

Allah testimonia, e con Lui gli Angeli e i sapienti, che non c'è dio all'infuori di Lui, Colui Che realizza la giustizia. Non c'è dio all'infuori di Lui, l'Eccelso, il Saggio. Invero, la religione presso Allah è l'Islàm*. Quelli che ricevettero la Scrittura caddero nella discordia, nemici gli uni degli altri, solo dopo aver avuto la scienza. Ma chi rifiuta i segni di Allah, [sappia che] Allah è rapido al conto. [Corano, 3:18-19]
*[“la religione presso Allah è l'Islàm”: nel rapporto tra uomo e il suo Creatore, (gloria a Lui l'Altissimo) la posizione del primo non può essere che di totale sottomissione, cioè islamica]