Crediamo in Dio e in tutti i Suoi Profeti

Di': “Crediamo in Allah e in quello che ha fatto scendere su di noi e in quello che ha fatto scendere su Abramo, Ismaele, Isacco, Giacobbe e le Tribù, e in ciò che, da parte del Signore, è stato dato a Mosè, a Gesù e ai Profeti: non facciamo alcuna differenza tra loro e a Lui siamo sottomessi”. [Corano, 3:84]

3 aprile 2014

Senato USA: Le torture della CIA sono inutili per catturare terroristi e sventare attentati


Un duro rapporto del Senato Usa mette in dubbio la reale utilità di molti brutali interrogatori


Corriere del Ticino, 01.04.2014


WASHINGTON - La Cia ha "ingannato" il governo americano sul suo "brutale programma di interrogatori", nascondendo la brutalità dei metodi usati e prendendosi il merito di alcune informazioni che i detenuti avevano fornito prima di essere torturati. Inoltre, queste pratiche illegali non hanno fornito alcuna traccia utile per trovare Osama bin Laden. Sono solo alcune gravissime accuse emerse da un severo rapporto della commissione di intelligence del Senato ancora riservato, ma reso noto dal "Washington Post".

"La Cia - recita il rapporto - ha ripetutamente descritto il programma al Dipartimento di Giustizia e al Congresso come una modalità per mettere mani su informazioni di intelligence che altrimenti non sarebbero state ottenute e che hanno aiutato a sventare complotti terroristici e salvare migliaia di vite. Era vero? La riposta è no".

Il documento, composto da 6.200 pagine, rivela anche le divisioni interne alla Cia. Ci sono stati molti ordini di andare avanti con gli interrogatori che arrivavano dal quartier generale, senza tener conto dell'opinione degli agenti sul posto, secondo i quali i prigionieri non avevano più informazioni da offrire.

Prigione di Guantanamo
Vengono inoltre descritte tecniche di interrogatorio ancora del tutto inedite, come l'immersione di un sospetto terrorista in Afghanistan in una vasca di acqua gelata, una pratica simile al "waterboarding" (l'annegamento simulato) ma che non è mai apparsa nella lista di quelle approvate dal Dipartimento di Giustizia, quindi di fatto illegale non solo per il diritto internazionale ma anche per le leggi speciali americane.

Ma è sull'utilità di queste torture ai fini della caccia a bin Laden che la Commissione sostiene una tesi sconvolgente. Bisogna ricordare che sin dal primo momento dopo la morte del capo di al-Qaida, quasi tre anni fa, molti esponenti di spicco dell'amministrazione Bush e alti dirigenti della Cia hanno sostenuto che proprio grazie al loro controverso programma di "interrogatori", deciso dopo gli attentati dell'11 settembre, sono state acquisite le informazioni che hanno reso possibile il raid dei Navy Seals contro Osama. In particolare, la loro tesi era che fosse stato Khalid Sheikh Mohammed, la "mente" dell'11 settembre, ad aver dato le dritte giuste per la cattura del suo ex capo, dopo essere stato sottoposto al "waterboarding" per ben 183 volte.

Tesi che oggi viene smentita: secondo il rapporto, le informazioni che Khalid fornì allora non furono in nessun modo cruciali per la cattura di bin Laden, per cui le torture non furono solo odiose, ma anche inutili. Ora la Commissione di intelligence del Senato americano dovrebbe votare giovedì l'invio di un sommario del rapporto al presidente americano Barack Obama per la declassificazione.

Leggi anche:

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Invero, la religione presso Allah è l'Islàm

Allah testimonia, e con Lui gli Angeli e i sapienti, che non c'è dio all'infuori di Lui, Colui Che realizza la giustizia. Non c'è dio all'infuori di Lui, l'Eccelso, il Saggio. Invero, la religione presso Allah è l'Islàm*. Quelli che ricevettero la Scrittura caddero nella discordia, nemici gli uni degli altri, solo dopo aver avuto la scienza. Ma chi rifiuta i segni di Allah, [sappia che] Allah è rapido al conto. [Corano, 3:18-19]
*[“la religione presso Allah è l'Islàm”: nel rapporto tra uomo e il suo Creatore, (gloria a Lui l'Altissimo) la posizione del primo non può essere che di totale sottomissione, cioè islamica]